Cronaca

Spacciavano per "fresca" carne vecchia: nei guai un supermercato di Torino

Visita dei NAS in un noto supermercato torinese. Sequestrati 400 kg di carne, tra cui 250 Kg di salumi invasi dalla muffa. Riscontrate evidenti carenze igieniche, tre persone sono state denunciate

Non è un periodo felice per i reparti carne dei supermercati e mercati di Torino. Dopo il caso della carne equina taroccata all'Auchan e dopo le intossicazioni per la carne fresca di un banco di Porta Palazzo, i carabinieri mettono a segno un altro colpo importante. Non si aspettavano di certo la visita del NAS i responsabili di un noto supermercato torinese che avevano fatto esporre sul banco frigo di vendita delle carni fresche preincartate uno striscione “da stadio” in carta cerata che riportava l’allettante scritta: “le tenere carni belle fresche, genuine, appena tagliate”. Peccato che poi sia emerso con assoluta chiarezza che le fette di carne esposte per la vendita, all’interno di impeccabili confezioni in polistirolo e cellophane, fossero tagli risalenti sino a 4 giorni prima e che l’anomala procedura riscontrata fosse stata posta in essere probabilmente anche nei giorni precedenti.

Visto che il consumatore va a ricercare fra le date di scadenza del banco frigo le date più recenti, può essere facilmente ingannato dal fraudolento aggiornamento quotidiano della data di preincarto. Nessuno si è sentito male, ma l’imbroglio è tale da costituire tentata frode in commercio. Sono stati sequestrati penalmente circa 400 kg di prodotti carnei di cui circa 250 Kg di salumi invasi da abbondanti muffe, rinvenuti nelle celle frigo del reparto macelleria. Ci si trova in presenza di un reato poiché prodotti alimentari in queste condizioni avrebbero dovuto essere stoccati lontano dalle aree di vendita ed immediatamente smaltiti.


Nell’ambito dell’operazione i militari hanno contestato, inoltre, ulteriori sanzioni amministrative pecuniarie per l’etichettatura e per le carenze igieniche riscontrate per un valore di circa 4.500 euro. Le persone denunciate sono il direttore ed il capo settore freschi del supermercato, nonché il legale rappresentante della s.p.a. che gestisce quella catena di supermercati. Della vicenda si sta interessando il Dott. Raffaele Guariniello della Procura di Torino.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Spacciavano per "fresca" carne vecchia: nei guai un supermercato di Torino

TorinoToday è in caricamento