San Salvario, sempre più frequenti i furti di tombini: pronte le soluzioni

La sezione territoriale dei vigili ha chiesto la collaborazione dei cittadini nelle segnalazioni e intanto si pensa a sostituire gli attuali tombini con quelli di plastica riciclata

Una minaccia si aggira per i quartieri di San Salvario: il ladro di tombini. Tanto fastidioso quanto bizzarro il fenomeno dei tombini rubati è stato protagonista nelle ultime settimane in un quartiere della città sempre più vivo e frequentato. Come riporta il periodico online della circoscrizione "Ottoinforma" in un articolo, nello scorso fine settimana è stato registrato l'ennesimo furto: al posto del tombino era stata provvisoriamente piazzata una sedia per segnalare il problema. Ovviamente oltre al fatto che non può essere permessa l'appropriazione indebita di materiale pubblico, la presenza di "buchi" sui marciapiedi è pericolosa per i passanti.

In realtà non tutti gli abitanti di San Salvario sono a conoscenza della situazione, merito dei tempestivi interventi della sezione territoriale dei vigili coordinata da Piero Zabeo. Nel frattempo sono iniziate le indagini della polizia giudiziaria che per ora non ha ufficializzato nessuna ipotesi. Ma perché rubare dei tombini? Probabilmente vengono rivenduti sul mercato della ricettazione, da soli valgono poco ma sommati possono fruttare un piccolo guadagno.

Le soluzioni proposte per risolvere lo strano caso dei tombini sono a più livelli. La prima, più immediata, è stata quella di stimolare gli abitanti ad avvertire la circoscrizione o la municipale ogniqualvolta assistano a una situazione sospetta. La seconda è un'iniziativa proposta da Zabeo, sostenuta anche dal consigliere della circoscrizione 8 Augusto Montaruli, e consiste nel sostituire i tradizionali tombini in metallo con quelli in materiale riciclato e fonoassorbente, adatto peraltro a contrastare i noti disagi che affliggono il quartiere. Il problema dunque, sottolinea Montaruli, potrebbe diventare un'opportunità per migliorare la qualità del servizio pubblico. Come si dice in gergo "cogliere due piccioni con una fava".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si scontra col cinghiale che attraversa la strada, poi si ribalta nel fosso: terrore per due ragazzi

  • Tenta di uccidere il figlioletto di un anno con le pastiglie nel biberon, poi si taglia le vene

  • Viaggia sull'auto modificata: multa di 640 euro, veicolo sospeso dalla circolazione

  • Tempo libero e svago, cosa fare a Torino e dintorni sabato 16 e domenica 17 novembre

  • Esplosione e incendio distruggono la tensostruttura, fiamme nei locali e nube di fumo

  • Autostrada, installati due box per gli autovelox: dove sono

Torna su
TorinoToday è in caricamento