Giovedì, 5 Agosto 2021
Cronaca

Saldi, avvio positivo: scontati anche articoli per la casa e giocattoli

Bene anche le periferie

Sono partiti a Torino e in tutto il Piemonte, i tanto attesi saldi invernali 2018 e secondo le prime stime, gli afflussi sembrano essere buoni sia in centro che nelle periferie. La partenza positiva è anche dovuta a prezzi scontati, fin da subito, già del 50% e punte fino al 70%. A essere presi d'assalto soprattutto le catene di abbigliamento e, complici anche le basse temperature, i centri commerciali e gli outlet fuori città: da Le Gru all'8 Gallery, da Parco Dora all'Area 12, fino all'Outlet Village di Settimo, i negozi hanno registrato code alle casse e ai camerini di prova a partire dalle prime ore del mattino, con un incremento deciso di gente al pomeriggio. In centro, in piazza San Carlo, non è mancata la solita coda di persone in attesa davanti a Olimpic, storico negozio di abbigliamento d'alta gamma torinese.

Non solo abbigliamento

Ma gli sconti sono ovunque, non solo nel campo dell'abbigliamento e delle calzature. I saldi si possono anche vedere nei negozi di giochi e giocattoli, articoli per la casa e tecnologia.  "Sta andando abbastanza bene - ha commentato Maria Luisa Coppa, presidente dell'Ascom di Torino - Vengono premiati i prodotti di qualità e la professionalità dei negozi, con buoni risultati di chi ha fatto innovazione e mandato messaggi ai clienti. C'è ottimismo per migliorare i risultati dello scorso anno".

Stime di spesa

E va dai 200 ai 250 euro, secondo una previsione di Fismo-Confesercenti, l’associazione dei commercianti di abbigliamento, la cifra che i torinesi spenderanno per i saldi invernali. Una spesa che non si discosta troppo da quella della scorsa stagione. Anche per quanto riguarda il livello delle vendite, i commercianti prevedono di confermare i risultati dello scorso anno o di migliorarli leggermente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Saldi, avvio positivo: scontati anche articoli per la casa e giocattoli

TorinoToday è in caricamento