Cronaca

Costi della scuola, Saitta: "Senza la Provincia, le spese raddoppierebbero"

Il presidente della Provincia di Torino interviene proprio nel giorno di inizio dell'anno scolastico. "Senza la Provincia, per i Comuni le spese raddoppierebbero"

La scuola è iniziata soltanto da un giorno, ma già arrivano i primi allarmi. Antonio Saitta, presidente della Provincia di Torino, ha diffuso una sua denuncia sui costi del riscaldamento e delle spese di manutenzione delle scuole. “Senza la Provincia, per i Comuni le spese raddoppierebbero: se palazzo Cisterna paga per la gestione del calore 2.62 euro al metro cubo riscaldato grazie all'appalto calore da 9 milioni di euro annui per tutti gli edifici scolastici, i Comuni per appalti sui singoli edifici spendono almeno il doppio''

Secondo Saitta, ''La Provincia di Torino, proprio perche' ente di area vasta, riesce a risparmiare su grandi appalti e fa economie di scala, questo non accade solo nella manutenzione degli edifici scolastici. L'ho spiegato al ministro Delrio, ora gli sottoporro' i dati e chiedero' come il governo pensare che moltiplicando i centri di spesa si produrrebbero economie''.

Saitta, ricordando che la provincia gestisce 160 edifici scolastici di istruzione superiore, rincara la dose spiegando quali potrebbero essere gli scenari per i 25 Comuni sede di una scuola superiore se venisse abolita la Provincia: “Ognuno si troverebbe a gestire costi almeno doppi per riscaldare ognuno la propria scuola superiore. Dovrà risparmiare sulla manutenzione?''.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Costi della scuola, Saitta: "Senza la Provincia, le spese raddoppierebbero"

TorinoToday è in caricamento