Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca

Parco della Pellerina, Magliano: "Troppi rumori e poche risposte"

Gruppi di persone ogni sabato e ogni domenica, durante la bella stagione, tra marzo e ottobre, organizzano vere e proprie feste alla Pellerina, lato corso Regina. I residenti della zona si lamentano per il rumore e gli schiamazzi fino a notte inoltrata; l’Assessore Tedesco risponde alla mia interpellanza raccontando di controlli e sanzioni al Punto Verde: facciamo rispettare i regolamenti, agli uni e agli altri, e chi pensa che la Città e gli spazi pubblici siano sua proprietà venga escluso per 3 anni da concessioni e autorizzazioni

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TorinoToday

Sulla questione del parco Carrara, dove durante la bella stagione gruppi di persone organizzano vere e proprie feste, sul lato prospiciente corso Regina Margherita, andando avanti fino a notte alta e impedendo il sonno ai residenti, nella zona attorno a corso Potenza,  l'Assessore Tedesco risponde citando i controlli sulle richieste per occupazione suolo pubblico, effettuati durante l’estate, in particolare sul punto verde che però è dall’altra parte, verso via Lessona. I cittadini che, però, devono sorbirsi musica e schiamazzi fino alle ore piccole, stanno anche dall’altro lato del parco, e non ne possono più, tra fumi di griglie e house music da pranzo fino a notte inoltrata.

Se a luglio i controlli non hanno permesso di riscontrare violazioni, il 5 agosto sono state elevate sanzioni per occupazione suolo pubblico e somministrazione bevande e alimenti senza autorizzazioni.

Le preoccupazioni che io mi pongo sono sempre le stesse: chi pensa di utilizzare questa città come se fosse casa sua, o cosa sua, oltre al sequestro di ciò che sta su un'area dove non dovrebbe stare, deve essere sanzionato in modo più severo, così imparerà a comportarsi decorosamente e a rispettare le istituzioni. Chi opera senza autorizzazioni, o in violazione delle concessioni e dei permessi ricevuti, deve essere escluso per tre anni dalla possibilità di richiedere qualunque cosa al Comune, così come chi fa rumore, schiamazzi, si comporta in modo da non rispettare i diritti degli altri, deve essere costretto a sgombrare e non tornare più.

Spero che l’Assessore Tedesco e la Giunta tutta, che affermano di essere orientati in questo senso, mi siano alleati in questa proposta e, per una volta, si possa andare velocemente dalle parole ai fatti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco della Pellerina, Magliano: "Troppi rumori e poche risposte"

TorinoToday è in caricamento