Ronde a Pozzo Strada, il quartiere in strada contro prostitute e criminali

Una quarantina di cittadini si è ritrovata per percorrere alcune vie assediate dalle lucciole e dai topi d'auto. La manifestazione verrà riproposta in altri quartieri

Prostituzione, atti vandalici, controllo del territorio. Parole tristemente note a coloro che da anni vivono in Pozzo Strada, nel tratto compreso tra piazza Massaua e via Monginevro, e che ancora una volta hanno deciso di scendere in strada per difendere il loro amato quartiere. Hanno, infatti, pensato alle ronde alcuni residenti della zona, stufi per il continuo disagio e per la presenza delle lucciole agli angoli delle strade. Una presenza che ha come conseguenza il via vai di numerosi clienti e la trasformazione delle aree verdi in alcove a cielo aperto. Soprattutto in primavera ed estate.

L’ultima passeggiata per la sicurezza si è verificata martedì sera. E all’appello hanno risposto a decine, nonostante la pioggia battente. Segno che il problema è davvero sentito. In quaranta circa si sono ritrovati alle ore 21.30 in strada della Pronda all’angolo con via De Sanctis per manifestare pacificamente in nome della sicurezza del borgo. “Così non ci va bene – racconta una mamma -. Ogni angolo è occupato dalle prostitute. Di sera è meglio non girare, davvero una brutta situazione”.

E della presa di posizione del quartiere ne sono a conoscenza anche i vertici della circoscrizione Tre. Proprio il capogruppo di Fi della circoscrizione Tre Stefano Bolognesi ha accompagnato i cittadini sostenendo le loro testi. “Alcuni residenti sono venuti a manifestarci un disagio che, purtroppo, conosciamo molto bene – spiega Bolognesi -. Si è parlato soprattutto di ronde, di passeggiate serali per il territorio con lo scopo fermare i ladri e i criminali che ormai agiscono indisturbati”.

Sotto accusa anche i bocconi avvelenati gettati nelle aree verdi. Vedi il giardino Venchi Unica. Il serpentone ha poi toccato anche parte di corso Brunelleschi fino alla zona attorno all’ospedale Martini. All’evento hanno preso parte anche i consiglieri della Lega Nord Miletto e Bosticco. E nei prossimi giorni l’iniziativa verrà estesa anche alla zona San Paolo. A cominciare dai giardini di via Carso. “Non so se le ronde possano essere la giusta soluzione – commenta un anziano - ma di sicuro da qualche parte bisognerà pur iniziare per sconfiggere un cancro che attanaglia le nostre strade da molto, troppo tempo”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Torino, abbraccia e bacia una bambina di sette anni al parco: arrestato

  • Meteo, Torino e il Piemonte avvolti dall'aria artica dalla Groenlandia: è in arrivo la neve

  • Piemonte verso la zona gialla e le regole per le festività natalizie: riepilogo

  • Come cambia il mercato immobiliare di Torino dopo il lockdown: l'analisi quartiere per quartiere

  • Inizia la Lotteria degli scontrini: cosa bisogna fare per avere i codici e vincere fino a 5 milioni

  • Zona Arancione: estesa apertura negozi, maggiori controlli, dentro e fuori, nei centri commerciali

Torna su
TorinoToday è in caricamento