Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Rivarolo Canavese

Esecuzione a Rivarolo, pregiudicato ucciso con un colpo alla nuca

Emergono i primi dettagli sul cadavere rinvenuto questa mattina in aperta campagna. L'uomo era stato coinvolto e poi assolto in un processo legato alle Br

Comincia a dipanarsi la matassa ingarbugliata legata all'omicidio di Pierpaolo Pomatto, il 65enne di Feletto Canavese trovato cadavere questa mattina a Rivarolo, vicino a un canale, in frazione Vesignano. Per l'uomo, che in passato era stato arrestato per truffa ed estorsione ed era stato coinvolto e poi assolto in un processo legato alle Brigate Rosse, è stata una vera e propria esecuzione.

Pomatto, secondo l'ispezione cadaverica effettuata dal medico legale Mario Apostol, sarebbe stato ucciso con un colpo di pistola alla nuca che gli ha trapassato la gola. Ed è di poco fa la notizia secondo la quale l'auto dell'uomo, una Ford Focus verde, è stata ritrovata dai carabinieri a circa trecento metri dal supermercato Pam, aperta e con all'interno le chiavi inserite.

Apparentemente all'interno del veicolo non ci sarebbe alcuna traccia evidente ma come vuole la prassi, l'auto verrà sottoposta ai consueti accertamenti tecnici. La vittima potrebbe dunque aver avuto appuntamento con il suo killer nei pressi del supermercato, che in linea d'aria dista circa un chilometro e mezzo dal luogo dell'omicidio, per poi essere trascinato lontano dalla zona abitata e brutalmente assassinato.

Vicino al cadavere dell'uomo, rinvenuto da un passante che passeggiava lungo il canale, non sono infatti state trovate tracce ematiche che possano far pensare a uno spostamento o al trascinamento del corpo ma soltanto una ventina di banconote facsimile da 50 euro. Un dettaglio in più che forse potrebbe aiutare gli inquirenti a risolvere il misterioso omicidio. Sul caso sta indagando il nucleo investigativo dei carabinieri di Torino.      
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Esecuzione a Rivarolo, pregiudicato ucciso con un colpo alla nuca

TorinoToday è in caricamento