Cronaca

Ritrovato tredicenne scomparso: era a Napoli con direzione Etiopia

E' stato riconosciuto da due agenti della polizia ferroviaria. Habtamu Scacchi era scomparso lo scorso 4 gennaio con l'intenzione, che nessuno conosceva, di andare in Etiopia a trovare gli altri suoi fratelli

Dopo cinque giorni di ricerche è stato ritrovato Habtamu Scacchi, il ragazzo di tredici anni scomparso nel novarese lo scorso 4 gennaio. Si trovava nella stazione centrale di Napoli quando due agenti del compartimento polizia ferroviaria per la Campania lo hanno riconosciuto. Voleva andare in Etiopia dal fratello e in tasca aveva in tasca una cartina geografica che si era procurato per orientarsi nel viaggio verso il Sud dell'Italia. Un tragitto per rivedere i fratelli che, almeno all'inizio, ha visto il tredicenne determinato a raggiungere la destinazione prefissata. Poi, gli affanni e le difficoltà del viaggio hanno dissuaso il ragazzo.


L'abbraccio con i genitori è avvenuto dopo le 14.30, dopo che i genitori sono sbarcati all'aeroporto di CapodichinoParlando con i giornalisti, la mamma di Habtamu, ha detto di non avere minimamente sospettato che il figlio stesse preparando questa fuga, avvenuta durante un periodo di vacanza, e di non essere nemmeno sicura del fatto che, in Etiopia, ci fossero altri fratelli di Habtamu. Insieme alla madre e al padre c'era anche il fratellino di Habtamu, anch'egli adottato dalla famiglia Scacchi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Ritrovato tredicenne scomparso: era a Napoli con direzione Etiopia

TorinoToday è in caricamento