Automobilista abbatte la sbarra del passaggio a livello, treni cancellati e in ritardo

Il danno è stato fatto tra le stazioni di San Bernardo e Strambino, sulla linea ferroviaria Chivasso-Ivrea-Aosta. Venti i treni coinvolti, con sospensione del servizio dalle 14.10 alle 15.50 e diversi treni cancellati

Sei treni cancellati e dodici con ritardi fino ad un'ora e dieci minuti. Tanto è costato ai pendolari l'imprudenza di un automobilista che ha abbattuto una sbarra di un passaggio a livello in chiusura tra le stazioni di San Bernardo e Strambino, sulla linea ferroviaria Chivasso-Ivrea-Aosta.

Il danno ha portato alla sospensione del servizio ferroviario sulla tratta interessata dalle 14.10 fino a quasi le ore 16. Venti i treni regionali coinvolti, molti dei quali sono stati cancellati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Uno dei treni in questione, transitato poco dopo che l'automobilista aveva combinato il guaio, si è trovato la sbarra abbandonata sui binari e non ha potuto arrestare la corsa in tempo. Il risultato è stato il danneggiamento del treno stesso.

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Torino usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Tragedia nel palazzo: morto dopo essere caduto nel vano ascensore

Torna su
TorinoToday è in caricamento