Venerdì, 25 Giugno 2021
Cronaca San Salvario / Via Nizza

Metropolitana, la linea Uno sarà ultimata solo nella primavera del 2018

I tecnici di InfraTo spiegano: "Bisogna fare i conti con i tre mesi di fermo che hanno subìto i cantieri"

Sommersi dai cantieri e stritolati dalle tasse. In via Nizza, tra via Sommariva e piazza Bengasi si respira da tre anni e mezzo un’aria pesantissima. I lavori che un domani daranno vita alle stazioni della metropolitana “Italia ’61” e “Bengasi” potrebbero finire nella primavera del 2018, e non a fine 2017 come preannunciato solo pochi mesi fa.

A mettere le mani avanti è InfraTo: “L’obiettivo è concludere il tutto tra un anno e mezzo ma bisogna fare i conti anche con i tre mesi di fermo che hanno subìto i cantieri della linea 1 tra ottobre e gennaio scorsi”. Conseguentemente, anche la riapertura al traffico di via Nizza, originariamente prevista per fine 2016, potrebbe essere procrastinata al marzo 2017.

Ma commercianti e residenti non ne possono più. «Qui si andrà avanti per altri due anni » spiega un cittadino. E in zona in pochi se la passano bene. In Via Nizza, tra le vie Caramagna e Sommariva, sono poche le attività che possono viaggiare a ritmo continuo. La decisione del Comune di Torino di dimezzare Tari, Cosap e Cimp, allo scopo di compensare economicamente, almeno in parte, i disagi provocati dal cantiere della linea Uno della metropolitana non ha tranquillizzato i negozianti che temono nuovi disagi e che, ora, dovranno aspettare il mese di novembre del 2016 prima di vedere la riapertura della strada. E la fine del 2017 per la benedizione di “Italia ’61” e “Bengasi”.

A placare gli animi ci pensa il vicepresidente della Circoscrizione 9, Massimiliano Mian. “I ritardi annunciati da InfraTo sono logici – spiega Miano -. Io resto fiducioso che il cantiere possa chiudere entro fine 2017, attuando dove possibile la possibilità di lavorare anche nelle ore notturne”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Metropolitana, la linea Uno sarà ultimata solo nella primavera del 2018

TorinoToday è in caricamento