menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Lentini's Home in via Susa a Carmagnola

Lentini's Home in via Susa a Carmagnola

Pentito rivela: "L'ex campione Lentini ha pagato il pizzo"

Per tenere aperto un ristorante

L'ex calciatore Gianluigi 'Gigi' Lentini, stella di Torino e Milan dei primi anni '90, avrebbe pagato il pizzo alla 'ndrangheta. Mille euro al mese per tenere aperto il suo ristorante Lentini's Home in via Susa a Carmagnola. Questo è quanto emerge dalle carte dell'operazione di carabinieri e guardia di finanza che nella giornata di lunedì 18 marzo 2019 ha portato all'arresto di 16 persone a Carmagnola e dintorni.

Proprio nella cittadina l'ex ala, che oggi fa il commerciante di miele, aveva avuto un suo locale per qualche anno. "Paga il pizzo Lentini, quello del ristorante omonimo (in realtà non è così, in quanto la catena Lentini's non è di proprietà di Gigi Lentini, ma di Nicola Lentini e nulla c'entra con questa operazione, ndr), l'ex giocatore di calcio”, ha rivelato Ignazio Zito, uno dei collaboratori di giustizia sentiti dagli investigatori.

"A riscuotere - ha aggiunto - si reca nel ristorante mio genero Fabio per conto di Franco Arone e di Tonino Bono. Paga mille euro al mese. Una volta, a settembre 2017, sono andato al ristorante con mio genero, l'ho accompagnato con la mia autovettura e nel viaggio lui mi ha raccontato queste cose. Io ho aspettato in auto e quando è uscito dal ristorante mi ha mostrato una busta con 1.000 euro dentro".

La risposta di Lentini e del ristorante: "Il pentito non dice il vero"

"Gianluigi Lentini - scrive l'avvocato Adriano Favero - non è titolare del ristorante-pizzeria Lentini’s Home, in quanto tale denominazione è utilizzata esclusivamente al fine di identificare l’intero immobile di sua proprietà, all’interno del quale vengono svolte alcune attività commerciali, tra le quali quella della pizzeria Tap-in di Pisano Giovanni & C., il quale gestisce in via esclusiva ed autonoma tale attività. Sia il signori Lentini che il signor Pisano contestano recisamente quanto dichiarato dal collaboratore di giustizia, in quanto agli stessi non è mai stato richiesto alcun pagamento di pizzo, così come non hanno mai provveduto ad effettuare alcun pagamento di sorta".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento