Rissa al lago Sirio: aggrediti anche gli agenti di polizia, due arresti

In manette sono finiti un italiano residente a Ivrea e un polacco. I due hanno insultato e aggredito un bagnino e scatenato una rissa nei pressi del lago. Sono intervenuti due agenti di polizia in borghese

Il lago Sirio a Chiaverano

Hanno dapprima infastidito alcuni bagnanti che stavano trascorrendo la domenica al lago Sirio, poi sono passati agli ospiti dello chalet Moia e a un litigio con il suo titolare e infine hanno aggredito due poliziotti in borghese. 

Attimi di pura follia a Chiaverano culminati con due arresti per un italiano residente a Ivrea e un polacco di 30 e 52 anni. I due erano riusciti oltretutto ad agitare talmente gli animi, da far intervenire una ventina di persone tra bagnanti, bagnini e, infine, poliziotti.

Da una prima ricostruzione dei fatti, pare che i due avessero più volte oltrepassato il confine della struttura privata, facendosi richiamare in più occasioni da uno dei bagnini, prima insultato e poi aggredito fisicamente. L'intervento dei bagnanti non ha placato gli animi del trentenne e del cinquantaduenne che anzi hanno colpito più persone. Solo l'intervento delle forze dell'ordine ha riportato la serenità.

Potrebbe interessarti

  • Medusa, rimedi anti puntura: gli errori da non commettere mai

  • Bevute eccessive: gli effetti immediati, il post-sbornia, i rimedi

  • Spioncino digitale, la tecnologia al servizio della sicurezza

  • I pericoli in mare e in piscina: l’acqua alta e la congestione

I più letti della settimana

  • Ragazza arriva in ospedale per un trapianto di cuore, ma i medici salvano il suo

  • Tragedia nel condominio: donna si suicida gettandosi dal settimo piano

  • Muore otto giorni dopo l'incidente: era troppo debole, non ce l'ha fatta

  • Scontro frontale tra moto e auto: due centauri sbalzati via per diversi metri, sono gravi

  • Marito uccide la moglie con una lima da modellismo, dopo qualche ora si costituisce

  • Viene travolta da un'auto mentre attraversa la strada: è grave in ospedale

Torna su
TorinoToday è in caricamento