menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Dopo sette mesi, rischio chiusura per NordOvest

In una nota stampa della redazione si esprime preoccupazione per i 12 lavoratori, dieci giornalisti e due impiegati amministrativi

Rischio chiusura per Il Nordovest. In una nota stampa la redazione del quotidiano regionale esprime preoccupazione per i 12 lavoratori, dieci giornalisti e due impiegati amministrativi, senza stipendio da quattro mesi.

La situazione è difficile, e la redazione annuncia che nei primi giorni della prossima settimana "avvierà le procedure necessarie alla riscossione dei crediti fin qui maturati e incaricherà i propri legali di individuare le eventuali responsabilità che, nonostante la concreta prospettiva di rilancio, portano oggi verso un possibile fallimento della società editrice con conseguente chiusura del giornale".

Il quotidiano è uscito in edicola per la prima volta il 7 novembre 2012; ma, come si legge nel comunicato, la trattativa che avrebbe dovuto condurre il quotidiano al cambio di proprietà “pare essersi arenata per via del mancato pronunciamento di uno dei cinque soci dell' Editrice NordOvest sulla proposta di continuità aziendale avanzata da un importante gruppo industriale del settore che, all'inizio di maggio, ha formulato una proposta di ricapitalizzazione della società, una volta che i soci avessero azzerato i propri debiti e crediti nei confronti della stessa”. La proposta è stata accolta favorevolmente da quattro soci, ma il quinto il Gruppo Olicar) l’ha ignorata.

Per tutto maggio, in attesa dell’esito della trattativa Il Nordovest non è stato pubblicato. "In tutto questo periodo - sottolineano i dipendenti - nelle due redazioni di Torino e Novara, i giornalisti, nonostante la pesantissima situazione economico (l'ultimo stipendio percepito è dello scorso gennaio) hanno lavorato a un progetto di rilancio della testata, compreso l'approdo sul web attraverso un nuovo sito e una progressiva digitalizzazione del giornale. Progetti e prospettive che ora sarebbero a un passo dall'infrangersi in modo poco chiaro. Nonostante le ripetute richieste formulate all'editore dalla redazione, i termini della trattativa in corso non sono mai stati esplicitati in modo esaustivo".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento