Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Villar Perosa

Per evitare il licenziamento a Villar e Avigliana si lavora al freddo

La Tekfor Neumayer, fonderia tedesca in crisi di liquidità, ha abbassato da 18 a 16 gradi il riscaldamento negli stabilimenti di Villar Perosa e Avigliana. I sindacati non ci stanno

Giù il riscaldamento, da 18 a 16 gradi, per risparmiare sulla bolletta del gas e non licenziare i dipendenti. E' l'originale iniziativa assunta dalla direzione torinese della Tekfor Neumayer, fonderia tedesca in crisi di liquidità.

"Sono scelte drastiche che però stanno dando risultati positivi in termini di bilancio", spiega a Repubblica Roberto Peiretti, amministratore delegato delle sedi di Avigliana e Villarperosa. Critici, invece, i sindacati e i lavoratori. Nei due stabilimenti torinesi della Tekfor lavorano mille dipendenti. L'azienda, fornitore del Gruppo Fiat, è in crisi di liquidità da quando il tribunale ha disposto l'amministrazione controllata della casa madre per scongiurare il fallimento. Entro metà anno dovrebbe essere venduta.

Il segretario provinciale della Fiom di Torino, Federico Bellono, è molto critico nei confronti dell'azienda: "In tempi di crisi va di moda parlare di spending review, ma l'alternativa tra riscaldamento e stipendio non è accettabile - attacca - In questa fase più che in altre ci sono tentativi di risparmi a tutti i costi, ma è evidente che ci sono questioni che non possono essere oggetto di scambio".

Gian Piero Clement, Rsu Alp della fabbrica di Villar Perosa, comprende lo stato d'animo dei lavoratori in questo periodo di pesante crisi economica: "In questa fase gli operai preferiscono fare sacrifici piuttosto che rimanere senza lavoro o busta paga. L'azienda sta cercando di risparmiare su tutto, e a tutti i livelli".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Per evitare il licenziamento a Villar e Avigliana si lavora al freddo

TorinoToday è in caricamento