Giovedì, 16 Settembre 2021
Cronaca Centro / Piazza della Repubblica

Porta Palazzo: 25 milioni per la riqualificazione della zona

Nasceranno a due passi dal centro cinque edifici in grado di ospitare temporaneamente anziani, donne sole o con bambini e persone in trasferta a Torino per lavoro

Un aiuto per chi non ha una casa dalla Città di Torino. Sono stati finalmente approvati i cinque progetti di residenza temporanea che troveranno sede in cinque edifici di piazza della Repubblica, via Cottolengo e via San Simone. Un’importante progetto di riqualificazione che coinvolge la Compagnia di San Paolo attraverso il suo Programma Housing, e l’Ufficio Pio.

Investimenti pubblici e privati che vedono in prima fila anche il Comune di Torino, The Gate e la Regione Piemonte. Il tutto alla cifra complessiva di 23milioni e 200mila euro. Le persone che parteciperanno al progetto interagiranno in modo virtuoso con il territorio offrendo le loro competenze e i loro servizi in cambio di appartamenti a canone calmierato, servizi e spazi comuni. 

Cinque, come sopracitato, i cantieri seguiti dal Tavolo di lavoro. A cominciare dalla residenza per anziani autosufficienti di piazza della Repubblica 14 che la città ha ceduto in comodato d'uso per trent'anni. Nell'edificio troveranno posto city users, persone in emergenza abitativa e lavoratori in formazione provenienti da fuori Torino. Diciotto i mesi di permanenza possibili. 

Al civico 13 di piazza della Repubblica, invece, nasceranno 31 alloggi di edilizia abitativa pubblica per anziani da destinare a popolazione ultrasessantacinquenne. Il complesso sarà caratterizzato dall'assenza di barriere architettoniche, sia nei percorsi locali comuni sia negli alloggi. Grazie ad un progetto dell'associazione CoAbitare nascerà il Cohousing di via Cottolengo 4. Al suo interno vi risiederanno otto famiglie i cui componenti parteciperanno attivamente alla realizzazione e alla progettazione delle opere interne.

L'Opera Barolo si occuperà dello stabile di via Cottolengo 26 dove prenderanno corpo 40 alloggi per altrettante famiglie. Particolare attenzione è stata data alle parti comune con l'installazione di pannelli solari e fotovoltaici. Dodici nuclei familiari sono previsti per la casa solidale di via San Simone 3, gestita attraverso il Sermig. Vi potranno entrare donne sole o con bambini e soggetti autosufficienti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Porta Palazzo: 25 milioni per la riqualificazione della zona

TorinoToday è in caricamento