Domenica, 26 Settembre 2021
Cronaca San Donato / Strada Vicinale delle Ghiacciaie

Zucchine e galline al posto delle prostitute, così gli anziani cambiano il borgo

In strada delle Ghiacciaie i pensionati del "Campidoglio borgo vecchio" hanno preso possesso di una vecchia cascina preda delle prostitute e dei clochard

Zucche al posto dei preservativi. Anziani e animali da fattoria al posto delle lucciole. La riqualificazione di strada delle Ghiacciaie porta la firma del comitato “Campidoglio borgo vecchio” che ha preso possesso di una vecchia cascina, disabitata di giorno e alcova per le prostitute di corso Potenza di notte. Soltanto l’olio di gomito e diversi interventi di bonifica hanno permesso l’allontanamento dei clochard e la pulizia dei locali, come è facile immaginare trovati in condizioni disastrose. E nessuno può saperlo meglio di Luigi, uno dei primi ad aver battuto i pugni in Comune per ottenere l’affido del casolare dimenticato. Ma nonostante l’impegno dei cittadini i problemi continuano ad essere all’ordine del giorno.

“Quando andiamo via noi le prostitute tornano e cercano di entrare – lamenta racconta Luigi Infante, vicepresidente del comitato di riqualificazione urbana -. Approfittano della carenza d’illuminazione nella via per consumare le prestazioni occasionali con i clienti proprio a due passi dalla cascina. Ma almeno non vanno più dentro, per noi è un piccolo successo”. A ripulire la strada dai tappeti di profilattici e dai fazzoletti di carta ci pensano sempre i cittadini.

Gli stessi che di giorno coltivano con cura i terreni e danno da mangiare alle galline e ai cani. Presidiando con calma e pazienza in attesa che le istituzioni si decidano a trovare un progetto in grado di dare una ventata d’aria fresca al Campidoglio. “Il degrado, purtroppo, non ne vuole sapere di abbandonare questo quartiere ma noi porteremo fino in fondo la nostra iniziativa” conclude sorridendo Luigi.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Zucchine e galline al posto delle prostitute, così gli anziani cambiano il borgo

TorinoToday è in caricamento