menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Autostrade, è arrivata la stangata: + 8,34% sulla Torino-Milano

Aumenti anche sulla Torino-Savona

Puntuale con il 1° gennaio, insieme a luce e gas, sono arrivati anche i rincari sulla rete autostradale italiana, da nord a sud del paese. E mentre l'aumento medio è del 2,74%, il + 8,34% della Torino-Milano gestita da Satap rappresenta una sorta di record, insieme agli aumenti più importanti quali il + 52% della Rav, Aosta Ovest-Morgex e il +13,91% della Milano-Serravalle-Milano Tangenziali. Per esempio, sborserà un euro in più chi da Novara si sposterà verso il capoluogo piemontese.

Un ritmo di rincaro impressionante che negli ultimi cinque anni, ha fatto salire i pedaggi - su questo tratto autostradale - di quasi il 30%. Soprattutto in relazione alla media nazionale. Nel 2017, sulla Torino-Milano, l’aumento era stato del 4,6%, contro una media dello 0,77%; nel 2016 del 6,5% (media 0,86%), nel 2015 dell’1,5% (media 1,32%), nel 2014 del 5,27% (media 3,9%). L’effetto cumulato di questi rincari ha fatto lievitare i pedaggi negli ultimi cinque anni sulla Milano-Torino del 28,96%, in un periodo in cui l’inflazione totale In Italia è stata del 2,6%.

Aumenti che sono giustificati - secondo il Ministero delle infrastrutture - dai lavori tra il 2013 e il 2017, costati quasi 500 milioni di euro, nel tratto tra Novara e Milano, per la terza e quarta corsia. E rincari sostanziosi ci saranno anche da e verso la Liguria. Sulla Torino-Savona gestita da Ats, gli automobilisti pagano, dal 1° gennaio 2018, il 2,79% in più. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento