Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca

Quanta sporcizia nei fiumi: "Po e Stura invasi dalle mucillagini"

Dora a parte pare critica la situazione dei fiumi torinesi. A cominciare dal Po, pieno di rifiuti e macchie giallastre. Ma non va meglio nemmeno lungo lo Stura

E' la solita piaga estiva, quella che ogni mese di agosto torna prepotentemente alla ribalta. Eppure le condizioni dei fiumi torinesi diventano ogni anno un problema. Bastano le foto scattate in questi giorni per venire a conoscenza di tronchi incagliati tra gli alberi, rifiuti e alghe che rendono chiara la necessità di una bonifica lampo. Soprattutto per lo Stura dove evidentemente servirà qualcosa di più che una mezza giornata di lavori.

L’alveo del fiume, infatti, si è trasformato anno dopo anno in un’immensa macchia verdastra e giallastra. Colpa, oltre che dell’incredibile numero di alghe presenti, anche dei liquami scaricati dagli incivili e dai furbetti di Torino e Provincia. Non se la passano bene neanche le sponde che a dirla tutta rappresentano il nodo cruciale della questione. In particolare tutti gli occhi sono puntati sulla sponda sinistra. Ogni volta che si alzano le acque portano via un numero spropositato di rifiuti. Tanto per cominciare quelli prodotti negli scorsi anni dai nomadi di via Germagnano e lungo Stura Lazio, ma non solo.

${mediaPreview,gallery:5249}

E i problemi dello Stura si notano come non mai in questi giorni di secca. Lo sanno bene anche gli amanti dello jogging che al mattino presto transitano di corsa nei pressi del parco Confluenza e del ponte Amedeo VIII di strada Settimo. Per loro lo spettacolo non è certo dei migliori, così come i cattivi odori e gli insetti che trasformano la corsa in un martirio. Negli ultimi anni, tuttavia, qualche provvedimento si è visto. In particolare per la sponda destra, risanata quasi completamente dopo la maxi bonifica dell’ex Tossic Park.

Al contrario tra corso Vercelli e strada Settimo non c’è stato alcun intervento per la sponda opposta. Dramma anche per il Po infestato dalle mucillagini lungo tutto l’asse del centro e della zona Vanchiglia. Detriti, macchie, bottiglie che galleggiano rappresentano la quotidianità per il fiume Po, soffocato da una quantità incredibile di rifiuti. Dalla passerella Chiaves fino alle porte di Moncalieri le acque risultano invase dalle alghe e da rifiuti che nulla possono avere a che fare con un fiume. A galleggiare sulle sponde ci sono anche i soliti tronchi oltre agli alberi incagliati contro i pilastri dei ponti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Quanta sporcizia nei fiumi: "Po e Stura invasi dalle mucillagini"

TorinoToday è in caricamento