Cronaca Centro / Via Po

Non solo in periferia: anche via Po in balia dei rifiuti abbandonati

Carcasse di motorini, vecchi mobili e macerie edili. Nei cortili del centro si può trovare di tutto. A chiedere uno sgombero sono i residenti, arrivati all'esasperazione

Discariche e inciviltà. Un argomento che più volte abbiamo toccato parlando della periferia nord e dei cumuli di immondizia abbandonati tra i quartieri Falchera, Villaretto, Madonna di Campagna e Rebaudengo. Ad andare controcorrente è, invece, una polemica che arriva direttamente dal centro della città di Torino. Per la precisione da una delle strade a noi più care, via Po. Proprio a due passi da piazza Vittorio Veneto e da piazza Castello è guerra aperta tra i residenti sulla questione dell’abbandono dei rifiuti. Alcuni abitanti della palazzina del civico 41 continuerebbero a lasciare nei cortili un numero spropositato di oggetti e questo nonostante i numerosi divieti appesi da altri inquilini sui muri.

Tra i bidoni della raccolta differenziata è possibile trovare ogni giorno di tutto e di più. Dagli elettrodomestici passando per i sacchi pieni di macerie edili, le assi di legno e addirittura la carcassa di un vecchio motorino. Oggetti scaricati con tutta probabilità di sera quando il passaggio di persone e motorini è decisamente inferiore rispetto alle altre ore del giorno. “E' da un anno e mezzo che conviviamo con questa assurda situazione – racconta il custode del civico 39 -. Per come si sono messe le cose è un miracolo che nel cortile non girino già gli scarafaggi o i topi. L’Amiat dovrebbe fare qualcosa ma nessuno sembra aver voglia di intervenire. E a pagare sono le persone educate e rispettose”.

Una mancanza di igiene e di rispetto nei confronti del prossimo è, dunque, il motivo principale che ha portato alcuni impavidi alla pacifica contestazione. E la richiesta è soltanto una, la pulizia di tutto il cortile. “Siamo stufi di trovare all'interno del palazzo una quantità di immondizia spropositata – spiega Maurizio, uno dei residenti più arrabbiati – I cittadini che collocano puntualmente materiale ingombrante nel cortile devono anche preoccuparsi di chiamare l'Amiat usando l'apposito numero verde. Non ci sembra una pretesa così assurda, non devono neanche pagare per la chiamata”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non solo in periferia: anche via Po in balia dei rifiuti abbandonati

TorinoToday è in caricamento