menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Assalto a Chiomonte, cade l'accusa di terrorismo per altri tre anarchici No Tav

Anche per il Tribunale del Riesame di Torino non sussite l'accusa di terrorismo. Per i tre anarchici restano fermi i reati di possesso e fabbricazione di molotov e di resistenza a pubblico ufficiale

Assolti altri 3 anarchici dall'accusa di terrorismo per l'attentato al cantiere di Chiomonte avvenuto nel maggio 2013.

Dopo la sentenza della Corte d'Assise di Torino che - in data 17 dicembre - ha assolto i quattro anarchici No Tav dall'accusa di terrorismo, riducendo loro la pena da 9 anni e sei mesi a 3 anni e sei mesi, anche per il Tribunale del Riesame di Torino l'assalto al cantiere dell'Alta Velocità non è da configurarsi come attentato terroristico.

I giudici hanno, infatti, accolto il ricorso della difesa di altri tre giovani arrestati lo scorso luglio sempre per i fatti accaduti nel maggio 2013 e raggiunti da una nuova misura cautelare prima di Natale che contestava loro anche l'ipotesi di terrorismo.

Anche per questi, tuttavia, non sussiste l'accusa suddetta: restano in piedi, invece, le accuse di possesso e fabbricazione di molotov e di resistenza a pubblico ufficiale, accuse per le quali i tre attivisti sono ancora in carcere.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento