Martedì, 18 Maggio 2021
Cronaca Aurora / Via Bologna, 74

Caos sullo sconto delle multe, chiesti i soldi a chi non li deve

Chi ha pagato con la riduzione tramite posta, Lottomatica o in banca si è visto notificare una richiesta di integrazione della somma. Un errore dato dal mancato adeguamento del sistema informatico

Dal 21 agosto scorso per le violazioni del codice stradali è possibile avere una riduzione del 30% sull’importo dovuto quale pagamento in misura ridotta per le sanzioni amministrative pecuniarie. La novità, introdotta dal così detto "decreto del fare", è stata sfruttata fin dal primo giorno dai cittadini torinesi, come hanno attestato le lunghissime e interminabili code presso gli uffici della polizia municipale di via Bologna.

Il pagamento entro i 5 giorni successivi alla notifica del verbale può essere fatto anche tramite conto corrente postale, tramite Lottomatica o in banca. I torinesi che hanno utilizzato questi ultimi mezzi tecnologici, rispettando chiaramente termini e requisiti per richiedere la riduzione della multa, si sono visti arrivare a casa una raccomandata in cui si chiedeva loro l'integrazione della somma già versata.

Diverse persone vedendosi notificare a casa la richiesta sono andati su tutte le furie. "Ma come, rientro nei requisiti richiesti per lo sconto e ora mi chiedono il saldo?", si chiede Giorgio, un signore sulla cinquantina che aveva pagato la multa presa in corso Trapani direttamente dal tabaccaio. Molti altri come lui si sono trovati in questa situazione, cercando spiegazioni presso il comando della municipale.

Per fortuna di Giorgio e di tutti gli altri automobilisti multati alla base di tutto c'è un errore. Chi ha pagato regolarmente con la riduzione del 30% non deve integrare nulla. Il problema è dato dalla procedura, troppo nuova per i sistemi informatici comunali che devono ancora essere aggiornati e adeguati. Le pratiche saranno quindi chiuse manualmente.

In ogni caso, chi avesse ricevuto la notifica per l'integrazione della somma già versata, per conferma che tutto sia a posto, può inviare una mail all'indirizzo pmruo@comune.torino.it o recandosi presso una delle dieci sezioni circoscrizionali o in via Bologna 74.  La stessa cosa dovrà fare chi ha versato ciò che non era dovuto per ottenerne la restituzione.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos sullo sconto delle multe, chiesti i soldi a chi non li deve

TorinoToday è in caricamento