menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
immagine di repertorio

immagine di repertorio

L'ordine per il rider di Glovo era una trappola per rapinarlo: arrestati il cliente e un suo amico

Dopo quattro mesi di indagine

Nella giornata di ieri, lunedì 15 marzo 2021, i carabinieri hanno arrestato e messo agli arresti domiciliari, in esecuzione di un ordine di custodia cautelare spiccato dall'ufficio gip del tribunale di Torino, due giovani di 18 e 19 anni, di nazionalità italiana ma di origini uno moldavo e l'altro senegalese, ritenuti gravemente indiziati di rapina in concorso ai danni di un rider della società Glovo avvenuta in via Sansovino 11 bis esattamente quattro mesi prima,  il 15 novembre 2020.

Nell'occasione, la vittima, un italiano di 29 anni, era stata contattata da uno degli indagati per effettuare una consegna a domicilio di generi alimentari ritirati al fast-food McDonald's di via Cossa ma, giunta nei pressi della sua abitazione veniva accerchiata, minacciata e spinta a terra da alcuni giovani che la derubavano del cibo nonché del portafoglio contenente carte di pagamento e denaro contante, tra cui il denaro delle consegne precedenti.

Le indagini, condotte dai militari della compagnia Torino San Carlo, hanno consentito di individuare subito l’utenza telefonica dalla quale era partito l’ordine e l’account di posta elettronica registrato da Glovo, necessari per usufruire del servizio. Entrambi erano riconducibili a uno dei due arrestati che aveva preso parte attiva nel reato e che, contattato dalla compagnia, aveva negato di avere effettuato l'ordine, dicendo che il cellulare gli era stato rubato. Successivi accertamenti hanno permesso di risalire al complice.

Secondo il rider gli aggressori erano in numero maggiore di quelli che sono stati arrestati. È quindi possibile che alcuni di loro manchino ancora all'appello.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento