Gli Stati Uniti premiano gli studi di un ricercatore torinese

La ricerca di Roberto Mazzoli si concentra sullo sviluppo di bioraffinerie di seconda generazione

Roberto Mazzoli

Gli studi italiani, o meglio torinesi, sulle plastiche biodegradabili hanno ricevuto onori dagli Usa. Il ricercatore sabaudo 44enne Roberto Mazzoli è tra i 9 italiani selezionali dalla Commissione per gli Scambi Culturali fra l'Italia e gli Stati Uniti. Mazzoli, che lavora all'Università di Torino presso il Dipartimento di Scienze della Vita e Biologia dei Sistemi, resterà nel New Hampshire per sei mesi dove, alla Thayer School of Engineering, del Dartmouth College di Hanover, lavorerà presso il laboratorio coordinato dal professor Lynd.

Lo studio del ricercatore torinese si concentra sullo sviluppo di bioraffinerie di seconda generazione, che utilizzano cioè biomasse vegetali.Le sue ricerche mirano allo sviluppo di un ceppo ricombinante del batterio Clostridium thermocellum, capace di convertire direttamente la cellulosa in quella che è una delle molecole più richieste dall'industria chimica: l' acido lattico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scontro tra 3 auto, una vettura in una scarpata: due morti e quattro feriti

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Serata di inferno sotto la pioggia in tangenziale: due incidenti, un morto e quattro feriti

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

  • Brutto incidente in tangenziale: quattro veicoli coinvolti, due feriti, circolazione paralizzata

Torna su
TorinoToday è in caricamento