Mercoledì, 29 Settembre 2021
Cronaca

Raid vandalico contro Marrone, nei guai un estremista di destra

Le perquisizioni all'interno della casa del principale indiziato ha portato al rinvenimento di diverse componenti chimiche utili per la fabbricazione di ordigni esplosivi

Sono 4 gli attivisti di estrema destra individuati dalla Digos, responsabili del raid attuato lo scorso giugno ai danni del consigliere regionale Maurizio Marrone.

L'episodio si era verificato in zona Mirafiori ed aveva avuto come oggetto l'auto dello stesso consigliere con tanto di vetro del parabrezza sfondato e gomme tagliate. Tra gli strumenti utilizzati anche bastoni, sassi e punteruoli. I vandali non si erano poi risparmiati ed avevano lasciato una scritta su un muro: "Marrone infame ripulisci questo".

Un gesto visto più che altro come una vendetta a seguito della visita del consigliere in ospedale, in solidarietà al ragazzo accoltellato per diverbi politici in metropolitana qualche settimana prima.

Le indagini della Digos hanno permesso di individuare 4 persone coinvolte nel raid, fra cui Danilo Massara, 21 anni, uno tra i più noti militanti dell'estrema destra di Torino. La perquisizione effettuata all'interno della sua abitazione ha portato, infatti, al rinvenimento di componenti per la realizzazione di "ordigni esplosivi micidiali", fra cui specifici composti chimici che, adeguatamente combinati, producono "polvere nera".

Per Danilo Massara è scattato immediatamente l'arresto, mentre la posizione degli altri ragazzi coinvolti nel raid è al vaglio dell'autorità giudiziaria.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid vandalico contro Marrone, nei guai un estremista di destra

TorinoToday è in caricamento