Cronaca

Il medico è un finto paraplegico, il tribunale respinge la scarcerazione

L'uomo, un iraniano di 56 anni, era stato arrestato con l'accusa di truffa ai danni dello Stato. Il Riesame, però, ha respinto l'istanza presentata dai legali

Una gigantesca truffa milionaria a danni di enti pubblici e assicurazioni. Il tribunale del Riesame di Torino ha respinto l'istanza di scarcerazione presentata dai legali dell'anestesista iraniano di 56 anni, arrestato dai carabinieri per essersi finto paraplegico e cieco dopo un incidente sul lavoro.

L'uomo, che lavorava all'ospedale Molinette di Torino, da tempo percepiva alcuni risarcimenti per una caduta - in realtà una simulazione - avvenuta nel 2012 sulle scale della struttura sanitaria in cui lavorava. Si parla, però, di risarcimenti e pensioni per centinaia di migliaia di euro. L'incidente era costato all'uomo una diminuzione della sensibilità agli arti inferiori e al braccio destro, la perdita della vista all’occhio destro e un acuto dolore alla colonna vertebrale che lo costringeva a muoversi su una sedia a rotelle.

A quanto pare l'uomo assumeva anche calmanti per sembrare più vero, in particolare prima delle visite. In realtà qualcosa non quadrava, come hanno scoperto i carabinieri del Nas. I militari hanno smascherato il medico e dimostrato come gli esami clinici non giustificassero i sintomi dichiarati.

Anche i giudici del Riesame hanno stabilito che si è trattato di una mega-truffa ai danni dello Stato. Il finto invalido conduceva in realtà una vita normale: si recava al bar, trasportava pesi, si occupava dei lavori di ristrutturazione della propria villa. Ma i filmati dei carabinieri lo hanno incastrato in sette occasioni.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il medico è un finto paraplegico, il tribunale respinge la scarcerazione

TorinoToday è in caricamento