Licenziata per il 'furto' del monopattino dalla discarica: non è un reato, va reintegrata

Ribaltata sentenza di primo grado

Aicha Elisabethe Ounnadi, protagonista della vicenda

Il monopattino non è stato rubato dalla discarica, ma è stato soltanto un malineso. Ribaltata oggi, giovedì 10 gennaio 2019, la sentenza di primo grado del marzo 2018 in cui si condannava la marocchina (residente a Collegno) Aicha Elisabethe Ounnadi, oggi 42enne dipendente della Cidiu, per il presunto furto avvenuto a Cascina Gaj a Savonera di Collegno che le era anche costato il licenziamento dall'azienda nel giugno 2017.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La corte d'appello (sezione lavoro) del tribunale ha accolto il ricorso presentato dagli avvocati Paola Bencich e Mara Artioli: in sostanza, il fatto c'è stato (nessuno del resto lo aveva mai negato) ma non è stato un furto. Quindi non basta il pagamento delle 18 mensilità stabilite in primo grado, dove già si diceva che il licenziamento era eccessivo, ma la dipendente va reintegrata in azienda.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Ambulante positivo al coronavirus va al mercato a vendere frutta e verdura: denunciato

  • Tragedia nel bosco: ragazzina di 16 anni trovata impiccata a un albero

  • "L'abbraccio tricolore" delle Frecce, lo spettacolo nel cielo di Torino: foto e video

  • Uccide una donna a colpi di pistola nel piazzale del supermercato, poi si costituisce

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento