Venerdì, 30 Luglio 2021
Cronaca

Orari ridotti per videopoker e slot machine, il Tar boccia il ricorso dei gestori

Dopo il sì della Corte Costituzionale anche il Tar si esprime positivamente e respinge il ricorso di alcuni gestori sull'ordinanza comunale che impone limiti agli orari di accensione delle slot machine e videopoker

Slot machine accese solo dalle 12 alle 23 e nuove macchine posizionate ad almeno 400 metri da luoghi sensibili come le scuole e gli ospedali. Sono queste le regole previste dal Comune di Rivoli, che porta a casa la sua seconda vittoria nella lotta al gioco d'azzardo.

Dopo il parere favorevole della Corte Costituzionale, anche il Tar del Piemonte si dice favorevole al regolamento con il cui il primo cittadino di Rivoli Franco Dessi aveva imposto dei limiti agli orari di accensione di slot machine e videopoker.

Contrari a questa nuova imposizione, alcuni gestori rivolesi e Lottomatica avevano chiesto al Tar la sospensiva dell'ordinanza, ricorso che il Tar ha bocciato per ben due volte. In uno primo momento il Tribunale amministrativo si era detto incompetente ed aveva trasferito il fascicolo alla Corte Costituzionale, in quanto non era chiaro se i Comuni avessero la facoltà di prendere provvedimenti su questioni spettanti, in teoria, allo Stato.

Dopo il sì della Corte Costituzionale, tuttavia, anche il Tar ha dovuto esprimersi e l'ha fatto positivamente, considerando non fondata la natura del ricorso presentato dai gestori per l'annullamento dell'ordinanza.

Dal Comune sono fieri e promettono di andare avanti con la lotta contro il gioco d'azzardo. Intanto notevoli passi avanti sono stati fatti.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orari ridotti per videopoker e slot machine, il Tar boccia il ricorso dei gestori

TorinoToday è in caricamento