Amianto: la Regione Piemonte vara un piano da 25 milioni di euro in 5 anni

Saranno completate le bonifiche dei siti di Balangero e Casale, verrà censito l'amianto presente sull'area piemontese e rimosso quello nelle scuole e negli edifici pubblici

E' stato varato dalla Giunta regionale del Piemonte, un piano amianto da 25 milioni in cinque anni. Il documento prevede il completamento della bonifica dei due siti di Balangero in provincia di Torino e Casale Monferrato nell'alessandrino e il censimento da parte dell'Arpa dell'amianto presente su tutto il territorio piemontese, oltre che la rimozione di quello più pericoloso a cominciare dagli edifici pubblici e dalle scuole.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per questa operazione l'assessore all'Ambiente della Regione, Alberto Valmaggia, prevede che ci vorranno dieci anni di tempo. Per Balangero e Casale erano già stati destinati 80 milioni.
Il documento in questione - "Piano regionale di protezione dell'ambiente, di decontaminazione, di smaltimento e bonifica per la difesa dai pericoli derivanti dall'amianto per il gli anni 2015-2019" - prima dell'approvazione, dovrà essere esaminato dal Consiglio regionale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Insetti in casa: la scutigera, l'insetto (utilissimo) che mangia gli altri insetti

  • Piemonte riaperto da mercoledì in entrata e uscita, stop all'obbligo di mascherine all'aperto

  • Tempesta sul Torinese: zone allagate, paesaggi imbiancati e numerosi disagi

  • Tragedia lungo la statale: scooter e moto si scontrano, morte due persone

  • Torino e provincia, le attività commerciali che fanno consegne a domicilio

Torna su
TorinoToday è in caricamento