menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Reggia di Venaria, pronti 2 milioni di euro per ospitare la Venere di Botticelli

La Reggia di Venaria incassa la proposta del ministro Franceschini e diventa Reggia del Barocco d'Italia, con una sala dedicata a quello veneziano, uno al piemontese e così via, procedendo per aree geografiche

Due milioni di euro per ospitare la Venere di Botticelli. Sono queste le parole di Del Noce emerse ieri durante il summit ministeriale che ha portato alla Reggia di Venaria i 28 ministri europei della Cultura.

Un super-vertice nel quale sono state portate alla luce le bellezze della Reggia e lodati i lavori di restauro e recupero in tempi record, soli nove anni. Ora, in vista degli appuntamenti futuri, in particolare dell'Expo 2015, c'è da capire quale  ruolo potrà occupare l'edificio sabaudo. "Abbiamo fatto presente al ministro che per ospitare la Venere di Botticelli per tre mesi saremmo disposti a pagare 2 milioni di euro - ha dichiarato del Noce -. Il direttore degli Uffizi ha già risposto negativamente, ed è un peccato".

Fra pochi giorni, quindi, dovrebbe arrivare da Roma la risposta definitiva. Nel frattempo la Reggia di Venaria incassa l'ennesima vittoria e, su proposta del ministro Franceschini, diventa Reggia del Barocco d'Italia, con una sala dedicata a quello veneziano, uno al piemontese e così via, procedendo per aree geografiche.

Nonostante il freno tirato dal direttore degli Uffizi Antonio Natali, la Reggia di Venaria si dimostra ancora una volta al centro della cultura italiana: "Torino è un esempio di come la buona pratica della cultura può essere un fattore di crescita - ha detto il sindaco Piero Fassino - non è un caso che il ministro Dario Franceschini abbia deciso di convocare qui i ministri europei".

Nell'attesa di sapere se la Venere di Botticelli possa far tappa dalle nostre parti, continuano gli eventi organizzati dalla Reggia, diventato ormai un vero e proprio polo culturale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento