Rapine in ville nel Lazio, arrestato il capo della banda a Moncalieri

La banda sgominata dalle forze dell'ordine aveva messo a segna un decina di colpi in diverse regioni. Rapinata anche l'abitazione dell'allenatore Serse Cosmi. Il capo di tutto era nel torinese

Un albanese di 35 anni è stato arrestato nella sua abitazione di Moncalieri perché ritenuto il capo di una banda di rapinatori che ha effettuato una serie di colpo in ville in Umbria e Lazio. L'uomo - si è saputo - è stato sorpreso ieri mattina dagli agenti delle Squadre mobili di Perugia e Torino e non ha opposto resistenza. Nella sua abitazione sono stati trovati una serie di oggetti preziosi ritenuti dagli investigatori proventi delle rapine effettuate.

Sarebbero una decina le ville rapinate dallo scorso maggio 2010, tra cui quella dell'allenatore Serse Cosmi. Cinque albanesi sono stati ancora raggiunti da ordinanze di custodia cautelare in carcere. La mobile perugina - diretta da Marco Chiacchera - è risalita agli albanesi esaminando il traffico telefonico cellulare nelle aree dei colpi e le testimonianze delle vittime. Ma anche mettendo insieme elementi raccolti dalla polizia in altre città. Gli investigatori hanno ricostruito anche il modus operandi del gruppo. C' era il capo - in base a quanto emerso dagli accertamenti - che agiva con una pistola, un complice dagli "occhi di ghiaccio" e un "buono" che tranquillizzava gli occupanti delle ville per ottenere informazioni su dove erano le casseforti.

Oltre all'arresto eseguito a Torino, la polizia ha bloccato un altro albanese a Roma mentre due ordinanze sono state notificate a Regina Coeli, due, e nel carcere di Pesaro. I reati ipotizzati a vario titolo sono rapina aggravata, porto abusivo di armi, sequestro di persona, lesioni e percosse. I dettagli dell'indagine saranno illustrati in una conferenza stampa in programma alle 11 alla questura di Perugia. (Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento