menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Con uno stratagemma gli rubano il cellulare, ma la vittima reagisce e blocca uno dei due rapinatori

Complice fuggito con il bottino

La vittima è seduta su una panchina in corso Palermo a Torino quando, verso le 7 di domenica 23 agosto, due sconosciuti si avvicinano e uno dei due, cittadino marocchino di 25 anni, cerca di distrarlo accusandolo di indossare il cappellino del suo amico. Ne nasce una discussione durante la quale il 25enne si porta lentamente dietro la panchina e, approfittando di un momento di distrazione, ruba il cellulare alla vittima, lo consegna al complice ed entrambi fuggono via.

La vittima li insegue e riesce a bloccare proprio il 25enne il quale inizia a strattonarlo, strappandogli la maglietta e sferrando pugni al volto. Poco dopo a dividere i due interviene una pattuglia della Squadra Volante. Il 25enne è lievemente ferito: un colpo ricevuto all’altezza dell’arcata sopraccigliare richiede l’intervento dei soccorsi, mentre i poliziotti raccolgono la denuncia della vittima. L’uomo racconta agli operatori quanto accaduto e il venticinquenne viene arrestato per rapina aggravata.

Il complice, invece, riesce a fuggire. Un passante racconta agli agenti di avere visto, poco prima, all’altezza di via Baltea, un uomo intento a cambiarsi rapidamente la maglietta e ad allontanarsi. Solo in un secondo tempo, trovandosi poi spettatore della colluttazione tra il rapinatore e la vittima, capirà che l’uomo visto in precedenza era il complice del 25enne.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento