menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Strappa lo smartphone a un passeggero e gli tira un pugno, caos sul bus 62

La vittima, mentre parlava al cellulare, ha visto l'aggressore avvicinarsi e strappargli lo smartphone di mano. Dopo il gesto, l'uomo si è seduto come un normale viaggiatore e ha occultato il telefono sotto una gamba

Prima gli ruba il cellulare, poi lo nasconde visibilmente sotto le gambe, tanto che la vittima, di primo acchito pensa a uno scherzo. Il fatto è accaduto a bordo della linea 62 della Gtt.

La vittima, mentre parlava al cellulare, ha visto l’aggressore avvicinarsi e strappargli lo smartphone di mano. Dopo il gesto, l’uomo si è seduto come un normale viaggiatore e ha occultato il telefono sotto una gamba. La vittima è rimasta esterrefatta tanto da credere, in un primo momento, che si trattasse di uno scherzo, ma quando ha chiesto ripetutamente all’uomo di restituirgli il telefono ha ricevuto risposta negativa.

Giunti ad una delle fermate il reo, un italiano di 43 anni con precedenti per reati contro il patrimonio, ha deciso di scendere dal mezzo pubblico. A quel punto il derubato, posizionandosi davanti all’uomo, gli ha impedito la discesa dal bus, ma il rapinatore si è guadagnato una via di fuga con la forza. Prima ha spinto e strattonato la vittima, poi ha colpito il suo interlocutore con un pugno al volto che gli ha procurato una ferita al naso e la scheggiatura di un dente. In questo modo il rapinatore è riuscito ad allontanarsi facendo perdere le proprie tracce.

La vittima ha subito allertato 113. Ricevute le descrizioni dell’individuo, le volanti della polizia di Stato si sono messe immediatamente sulle tracce dell’aggressore, individuato e fermato dal personale del Commissariato Barriera Milano, all’incrocio tra corso Brunelleschi e corso Monte Cucco, pochissimi minuti dopo la segnalazione della centrale operativa. 

Quando è stato bloccato dagli agenti, l’uomo aveva con sé il cellulare del quale poco prima si era impossessato e che è stato restituito al legittimo proprietario.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento