menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Rapina alla Veneto Banca di corso Ferrucci, due persone in manette

Sono entrati nella banca da un foro, realizzato nel muro di un locale vicino, e sono fuggiti con 40 mila euro. La banda del buco è stata però notata dal direttore dell'agenzia che ha chiamato la Polizia

Chi la mattina di lunedì scorso, il 6 maggio, è passato per corso Ferrucci, avrà sicuramente notato quattro volanti della Polizia fuori dalla Veneto Banca sita alla base dei nuovi alloggi di via Borsellino. Un intervento, quello delle forze dell'ordine, che ha portato all'arresto di due rapinatori, Luciano Locci e Giuseppe Bruno, rispettivamente di 43 e 58 anni.

I fatti sono andati così. La banda, detta "del buco", aveva scavato una galleria all'interno del bagno del negozio di fianco all'istituto di credito, utile per intrufolarsi senza destare sospetto. Una volta all'interno della banca, con ancora addosso maschere da saldatore e tute da imbianchino, i due hanno minacciato i dipendenti con un coltello per farsi aprire la cassaforte. Mentre all'interno avveniva tutto questa, all'esterno stava arrivando il direttore della filiale che, insospettitosi prima di entrare, ha chiamato il 113.

I rapinatori stavano ancora riempiendo il sacco quando si sono accorti delle sirene della Polizia. In fretta e furia hanno arraffato più che potevano e sono fuggiti dal retro, nascondendo i soldi dentro una fioriera. Tentativo vano però quello dei due uomini, arrestati poco più tardi.

I soldi sono stati recuperati e riconsegnati alla banca. La Polizia sta adesso cercando di capire se altre rapine a banche possano essere ricollegati ai due uomini finiti in manette.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento