rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Cronaca Druento / Via Roma

Rapina la gioielleria vicino casa per pagarsi la vacanza, ma qualcosa va storto

E' stato arrestato con l'accusa di rapina a mano armata il venticinquenne operaio rimasto senza lavoro da qualche mese. Non voleva rinunciare alla vacanza e, senza soldi, pensava di aver trovato il modo di farseli

Rimasto senza lavoro da qualche mese, un ragazzo di 25 anni non ha voluto rinunciare alla vacanza e, per trovare i soldi per partire e divertirsi, ha rapinato una gioielleria distante un centinaio di metri da casa sua, a Druento. Ma più di qualcosa è andato storto e pochi minuti dopo il colpo messo a segno si è ritrovato una volante dei carabinieri ad attenderlo sotto l'abitazione.

Con un cappellino per travisare parte del volto, il venticinquenne è entrato in azione in pieno pomeriggio quando in via Roma, dove è situata la gioielleria Baudino, c'erano parecchie persone a passeggio. Sintomo, secondo i carabinieri, che il giovane non sia un esperto del crimine, come attestato anche dalla sua fedina penale, fino ad oggi intatta.

E' entrato nel negozio e ha minacciato il proprietario con una pistola giocattolo. Voleva soldi e gioielli. Quando si era immaginato la scena però non aveva messo in conto una possibile reazione del gioielliere, cosa che invece è avvenuta. Il venticinquenne, con il suo obiettivo stampato in volto, non si è tirato indietro e con calci e pugni ha messo fuori gioco il nagoziante, prima di darsi alla fuga con contanti e diversi gioielli pronti per essere rivenduti.

In quel momento però da via Roma stava passando un poliziotto fuori servizio. L'agente si è messo all'inseguimento del giovane rapinatore e intanto ha chiamato i carabinieri per avvisarli di quanto era appena successo. I militari dell'Arma in pochi minuti sono giunti sul posto e hanno fermato il ragazzo, arrestandolo per rapina a mano armata.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rapina la gioielleria vicino casa per pagarsi la vacanza, ma qualcosa va storto

TorinoToday è in caricamento