Raid anti carne in via Chiesa, imbrattati i muri delle macellerie

I responsabili del gesto hanno lasciato una scritta su una serranda e sparso vernice rossa ovunque. I titolari minacciano di dotarsi di un sistema di telecamere

Vernice rossa sulle serrande e sui muri e scritte contro la carne. E’ un vero e proprio raid vandalico quello compiuto ai danni di alcune macellerie di zona borgo Vittoria. Gli ultimi blitz in via Chiesa della Salute. All’angolo con via Vibò ignoti hanno imbrattato tutte le saracinesche, lasciando un chiarissimo ricordino a pennarello nero “Carne uguale morte”.

L’opera – secondo i ben informati - potrebbe essere riconducibile ad un anonimo gruppo di “terroristi” vegani, di principio contrari all’uccisione di ogni forma di vita animale. Ma al momento, queste restano soltanto delle supposizioni. L’unica certezza è che qualche nemico in più gli autori del raid se lo sono già fatto. “Non ne possiamo più di questi danni, è già la seconda volta – raccontano dalla macelleria di via Chiesa -. Noi ci guadagniamo la pagnotta e non facciamo nulla di male. E negli ultimi giorni abbiamo sottratto ore preziose al lavoro per rimuovere i graffiti e la vernice”.

Nessuna denuncia è stata indirizzata alle forze dell’ordine, almeno per ora. Ma al contrario qualcuno nel borgo starebbe già pensando a dotarsi di un sistema di telecamere, per provare a identificare i responsabili in caso di nuovi attacchi notturni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cadavere scaricato da un'auto su una panchina: si tratta di un latitante condannato per rapina

  • Sparisce nel nulla dopo avere ricevuto la lettera di licenziamento: viene ritrovato morto impiccato

  • Colto da malore, si accascia a terra mentre sta camminando: morto

  • Cadavere putrefatto e decapitato trovato in un campo, si era suicidato impiccandosi a un albero

  • Automobilisti attenti: a mezzanotte entrano in servizio i semafori anti-passaggio col rosso

  • Investita mentre attraversa la strada davanti a casa: è grave

Torna su
TorinoToday è in caricamento