Cadavere di un ragazzino vicino ai binari: bloccata la ferrovia

Treno si è dovuto fermare. Linea riaperta dalle 12.30

Il luogo del ritrovamento del cadavere

Un ragazzo italiano di origine marocchina di 15 anni, residente a Fossano, è stato trovato morto vicino alla stazione ferroviaria di Centallo (Cuneo), sulla linea ferroviaria Torino-Cuneo, nella prima mattinata di lunedì 12 novembre 2018.

Il treno regionale Limone Piemonte-Fossano di Trenitalia delle ore 8,20 ha segnalato l'accaduto mentre viaggiava verso la vecchia stazione di San Benigno di Cuneo. Il convoglio non è deragliato. Il treno regionale Torino-Cuneo ha invece dovuto fermarsi. La circolazione è stata sospesa per diverse ore per consentire l'intervento delle autorità competenti ed è stata riaperta alle 12.30 quando è ripresa la circolazione fra Centallo e S. Benigno.

Sul posto ci sono le ambulanze e gli agenti della polizia ferroviaria, a cui competono le indagini sull'accaduto. Secondo i primi rilievi del medico legale il giovane è morto per un trauma, anche se non è chiaro se sia stato investito da un treno nel corso della notte oppure se il decesso sia attribuibile ad altre cause.

Treni cancellati o in ritardo

Due regionali hanno subito rallentamenti di un'ora e 40 e di 35 minuti, altri otto regionali sono stati cancellati in parte del loro percorso e due nell'intero percorso. Durante l'interruzione è stato attivato da Trenitalia un servizio bus tra Fossano e Cuneo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Carni e pesci in condizioni disastrose nel freezer: denuncia e maxi-multa al titolare di un ristorante

  • Giovane si toglie la vita sparandosi un colpo di pistola

  • Il Comune di Torino assume: 238 nuovi dipendenti entro la primavera 2020

  • Aeroporto Torino, Air France lancia il volo per New York a un prezzo stracciato

  • Treno travolge un'auto al passaggio a livello: veicolo trascinato per 50 metri, una persona tra le lamiere

  • Uomo ucciso a colpi d'arma da fuoco: assassino armato in fuga nei boschi

Torna su
TorinoToday è in caricamento