Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca Borgo Po

Malato di anoressia, il fratello lo trova morto nel letto: aveva soltanto 20 anni

Da sei non era più lui

immagine di repertorio

Un ragazzo italiano di 20 anni è morto lunedì 3 febbraio 2020 nella casa di borgo Po in cui viveva con la famiglia, mamma, papà e tre fratelli più giovani. A ucciderlo è stata l'anoressia, una patologia che forse troppo spesso viene associata unicamente, e in modo del tutto sbagliato, al genere femminile. Una malattia che invece lo aveva colpito sei anni fa, quando ne aveva appena 14 e quando ancora aveva la passione per il tennis per il suo idolo Roger Federer e anche per la sua squadra del cuore, l'Inter.

Da allora la malattia lo aveva consumato a poco a poco. I genitori hanno fatto di tutto per combatterla, provando con medici di vario tipo, continuando a spronarlo ad andare al liceo e a scuola. Lui aveva provato anche a diventare un rapper, aveva aperto un canale su Youtube. Ma non era riuscito a smettere di non mangiare. Fino al tragico epilogo, quando uno dei suoi fratelli lo ha trovato morto, nel suo letto.

I funerali si sono celebrati questa mattina nella parrocchia di Sant'Agnese. La sua salma è stata poi portata nel cimitero di Moncalieri, cittadina che per lui era la sua seconda casa: dove giocava a tennis e dove era andato a scuola.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Malato di anoressia, il fratello lo trova morto nel letto: aveva soltanto 20 anni

TorinoToday è in caricamento