rotate-mobile
Giovedì, 11 Agosto 2022
Cronaca Moncalieri / Via Fortunato Postiglione, 1

"La vita è un salto nel buio": in allarme familiari e carabinieri, ma se la stava spassando al centro commerciale

Appena lasciato dalla fidanzata

Allarme nel pomeriggio di domenica 19 agosto 2018 per un biglietto lasciato sul tavolo della cucina di casa da un ragazzino italiano di 16 anni residente a Moncalieri.

"La vita è un salto nel buio" è la frase che ha messo in allarme i genitori, che sapevano che il giovane era appena stato lasciato dalla fidanzata.

La famiglia ha chiamato immediatamente il 112 e numerose pattuglie dei carabinieri hanno immediatamente controllato tutti i ponti della zona, ipotizzando che il ragazzo volesse farla finita gettandosi di sotto.

Dopo alcune ore, il cellulare del giovane, che era spento, è stato agganciato dai militari dell'Arma. Altro che suicidio: aveva deciso di spassarsela al centro commerciale 45° Nord di via Postiglione (dove tra l'altro i frequentatori sono stati messi ulteriormente in allarme dall'arrivo delle pattuglie dei carabinieri).

"Scusatemi, non volevo fare spaventare nessuno", è stata la giustificazione del ragazzo, nei confronti di cui non è stato preso alcun provvedimento.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"La vita è un salto nel buio": in allarme familiari e carabinieri, ma se la stava spassando al centro commerciale

TorinoToday è in caricamento