Cronaca

Epidemia di coronavirus tra gli studenti dei corsi di lingue, cinque ragazzini torinesi bloccati a Malta

Rientri posticipati, famiglie in apprensione

Malta, immagine di repertorio ("010138 - Malta" by M.Peinado is licensed under CC BY 2.0)

Sono almeno cinque i ragazzi del Torinese bloccati a La Valletta, capitale di Malta, dopo l'esplosione di alcuni focolai di coronavirus nelle scuole di lingue, a inizio luglio 2021. Una sola, una 16enne di Piossasco, ha sviluppato tosse e febbre mentre una sua concittadina di un anno più giovane è positiva ma asintomatica. Gli altri tre, che sono in semplice quarantena, sono due 16enni di San Mauro Torinese e Castiglione torinese e un bambino di soli 10 anni di Torino. Quest'ultimo non è in isolamento, ma è ospite di una struttura ad hoc per i ragazzi di quell'età a Saint Paul's Bay dove nessuno è positivo. Per coloro che erano andati a Malta con Ef - Education First tutte le spese sono coperte dall'assicurazione, anche il loro rientro a casa è posticipato oltre il 20 luglio, sempre che il tampone prima di partire sia negativo. Le loro famiglie sono chiaramente in apprensione anche per l'impossibilità a raggiungerli, visto che l'isola del Mediterraneo ha limitato i voli in entrata a chi è in possesso di green-pass.

La posizione di Ef - Education First

"Comprendiamo le preoccupazioni dei genitori dei ragazzi - dicono da Ef-Education First - e teniamo a precisare che tutti sono costantemente assistiti e i loro genitori sono direttamente in contatto con i responsabili di Ef Malta. Purtroppo accertata la loro positività, come previsto dal protocollo di prevenzione del governo maltese, i ragazzi sono stati trasferiti con la supervisione di un incaricato Ef in una struttura riservata alla quarantena. La ragazza che ha la febbre è costantemente monitorata dal responsabile Ef presente nella struttura (praticamente ogni ora) come pure tutti gli altri studenti positivi, ma asintomatici, che si trovano in isolamento, sempre nel rispetto della norme di prevenzione maltesi. Le famiglie in Italia sono aggiornate sulla situazione e tutto lo staff di Ef Malta si sta adoperando per fare tutto quanto sia necessario a garantire il benessere degli studenti Ef in questo periodo di quarantena e non appena i ragazzi si negativizzeranno verrà organizzato il loro rientro in Italia, secondo le disposizioni del governo maltese e del governo italiano. La copertura assicurativa medico viaggio inclusa nel pacchetto vacanza studio Ef copre le spese mediche in caso di positività sopravvenuta durante il soggiorno all’estero, con massimali illimitati e le eventuali spese accessorie necessarie e ragionevoli (come isolamento in struttura ad hoc e rientro posticipato)".

Immagine di repertorio ("010138 - Malta" by M.Peinado is licensed under CC BY 2.0)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Epidemia di coronavirus tra gli studenti dei corsi di lingue, cinque ragazzini torinesi bloccati a Malta

TorinoToday è in caricamento