Ricoverata in ospedale a Torino, ragazza viene violentata da un altro paziente. Poi tenta il suicidio

Rivissuto l'incubo del suo passato

immagine di repertorio

Una ragazza di 18 anni è stata stuprata all'interno di un bagno del reparto psichiatrico dell'ospedale Amedeo di Savoia di Torino. L'episodio è avvenuto a settembre 2020. Nei giorni scorsi, tra fine novembre e inizio dicembre 2020, la giovane ha tentato di suicidarsi in seguito all'accaduto. L'autore dell'aggressione è stato, secondo il suo racconto, un altro paziente del reparto. Del caso si sta occupando la squadra mobile della polizia, mentre è già stato fissato un incidente probatorio da parte del giudice che sovrintende alle indagini per ascoltare la versione della giovane.

Per lei è stato come rivivere nuovamente l'incubo che l'aveva portata a un precedente tentativo di suicidio, visto che aveva già subito abusi dal patrigno tra il 2013 (quando lei aveva appena 11 anni) e il 2017. L'uomo, che approfittava di lei quando la madre si trovava fuori casa per lavoro, si trova attualmente in carcere, dove sta scontando una condanna a sette anni e mezzo per quanto ha commesso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Firmato il decreto: Piemonte zona arancione, che cosa si può e non si può fare da domenica 17 gennaio 2021

  • Piemonte in zona gialla: le regole in attesa della nuova stretta nazionale

  • Torino, ruba il portafoglio dimenticato in farmacia. E spende i soldi per fare la spesa: "Non vivo nell'oro"

  • Multato in auto dopo mezzanotte. "Ma sono un papà separato, andavo da mia figlia che stava male"

  • Infarto mentre fa jogging nel parco a Torino, morto avvocato di Settimo. Ambulanza bloccata dai dissuasori

  • Follia a Nole: scatta alcune fotografie col cellulare, ma poco dopo la obbligano a cancellarle

Torna su
TorinoToday è in caricamento