rotate-mobile
Martedì, 7 Dicembre 2021
Cronaca San Salvario / Corso Guglielmo Marconi

Dopo avere accoltellato la ex a Torino: "Ho voluto punirla perché era l'esca per contagiarmi con l'Aids"

La farneticante spiegazione del ragazzo arrestato

"La fine della relazione, che è durata pochissimo, non c'entra. Ho cercato di ucciderla perché era l'esca utilizzata dal mio ex coinquilino per contagiarmi con l'Aids. Per questo ho voluto punirla". Questa è la farneticante spiegazione fornita da Jetmir Kurtsmajlaj, l'albanese di 27 anni che la sera di domenica 21 febbraio 2021 in largo Marconi a Torino ha massacrato di coltellate l'ex fidanzata greca di 21 anni.

Assistito dall'avvocato Vincenzo Coluccio, il ragazzo è comparso ieri, martedì 23, davanti al pm Gianfranco Colace che coordina le indagini dei carabinieri sull'accaduto. Il giovane ha anche puntualizzato che era stata la ragazza a chiedergli di vedersi il giorno precedente al delitto e di essere stato lui a chiamare il 112 dopo averla colpita con numerosi fendenti.

Intanto la giovane sta meglio, anche se resta ricoverata nel reparto di rianimazione dell'ospedale Molinette e la prognosi resta riservata.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dopo avere accoltellato la ex a Torino: "Ho voluto punirla perché era l'esca per contagiarmi con l'Aids"

TorinoToday è in caricamento