rotate-mobile
Cronaca

Inchiesta sull'aria della metropolitana, dalla Gtt: "Nessun rischio"

L'azienda dei trasporti ha voluto tranquillizzare tutti coloro che ogni giorno prendono la metropolitana per spostarsi a Torino. Aperta un'inchiesta da parte del pm Guariniello

Dopo le polemiche degli scorsi giorni sulla qualità dell'aria all'interno della metropolitana torinese, e l'apertura di un'inchiesta da parte della magistratura, Gtt smentisce ogni possibile problema che potrebbe preoccupare l'utenza: "Non ci sono problemi di sicurezza per chi utilizza la metropolitana di Torino". Gtt comunica inoltre che è già in fase di programmazione un sistema di monitoraggio continuo delle condizioni ambientali. Il pm Raffaele Guariniello aveva aperto un fascicolo dopo l'esito di alcuni test eseguiti dall'Arpa. "Il sistema di areazione delle stazioni e della galleria - informa la Gtt - è estremamente flessibile e viene impostato in modo da garantire il massimo ricambio d'aria nelle prime ore del mattino, ritenute le più pulite; inoltre l'aria non viene mai aspirata nei pressi degli incroci o dei punti con più traffico. Nelle stazioni, però, parte dello scambio con l'esterno avviene dagli accessi alle stazioni stesse, che sono completamente aperti e subiscono l'influenza delle condizioni esterne".

La Gtt ribadisce il controllo che effettua sull'aria della metropolitana sin da quando è stata inaugurata nel 2006: "Nelle stazioni e sui treni vengono effettuate campagne di rilevamento; da quando a Torino è in funzione la Metropolitana, i livelli di sostanze inquinanti nell'aria (PM10 , biossido di azoto, monossido di carbonio e benzene) sono sempre stati inferiori a quelli rilevati in città". "Poiché però le condizioni ambientali sono molto variabili e influenzate da molteplici altri fattori, il gestore Gtt e Infra.to (proprietario dell'opera), in accordo con il Comune e con la stessa Arpa, hanno già programmato di realizzare un sistema di monitoraggio continuo dell'aria, un sistema combinato a una rete di rilevatori mobili, che verrà installato in una delle stazioni. Nel caso in cui l'aria fosse eccessivamente inquinata, si potranno modulare i flussi e le portate di ventilazione.

(ANSA)







 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Inchiesta sull'aria della metropolitana, dalla Gtt: "Nessun rischio"

TorinoToday è in caricamento