menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Parte del denaro sequestrato

Parte del denaro sequestrato

Consegne serali di droga: arrestati un pusher e il suo autista

L’accompagnatore veniva pagato 100 euro al giorno più qualche dose omaggio

Il sistema di consegna serale della droga era quasi ben collaudato. A bordo di una Fiat Stilo il pusher 18enne gabonese spacciava senza scendere dalla vettura mentre a guidare ci pensava il suo autista, un 30enne marocchino. Entrambi sono stati arrestati per il reato di detenzione illecita di sostanze stupefacenti ed è stato scoperto un giro illecito di affari che ha portato al sequestro di quasi 30mila euro.

Il giro delle consegne

I poliziotti li hanno notati nell’area di Mirafiori durante un consueto servizio di prevenzione e repressione dei reati. Restando a bordo del mezzo i due stranieri effettuavano cessioni di sostanza stupefacente. Gli agenti li hanno avvistati la prima volta in corso Unione Sovietica. Il gabonese cedeva, sporgendola dal finestrino, la dose richiesta prelevandola dalla bocca. Ricevuto il denaro dal cliente, il suo autista-complice ripartiva. Il giro delle consegne serali iniziava da corso Traiano e si estendeva nelle vie limitrofe. Il marocchino guadagnava un compenso fisso giornaliero di 100 euro e qualche dose di sostanza stupefacente omaggio. I due arrestati risultano irregolari sul Territorio Nazionale e con precedenti specifici. L’autovettura su cui viaggiavano è stata sottoposta a sequestro penale.

30mila euro sequestrati e droga

Durante il controllo l’autista ha tentato di disfarsi di 3 involucri contenenti anfetamina mentre il pusher- passeggero ha deglutito vistosamente qualcosa, rifiutandosi di sottoporsi agli esami radiologici. Le perquisizioni personali hanno fatto rinvenire sui due arrestati diverso denaro contante: nello specifico il gabonese deteneva 1300 euro e 4 telefoni cellulari mentre il marocchino custodiva nella tracolla circa 250 euro e 2 telefoni cellulari. Grazie ad un’attenta attività info-investigativa e di ricerca i poliziotti sono riusciti a scovare gli appartamenti che si aprivano con le chiavi rinvenute sul diciottenne. Gli agenti hanno sequestrato in corso Emilia circa 1200 euro, e in corso Regina Margherita quasi 25 mila euro, diversi ovuli di cocaina, materiale per il confezionamento della sostanza stupefacente e due bilancini di precisione. 
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TorinoToday è in caricamento