Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Centro / Piazza Castello, 153

Non cede il posto a sedere in focacceria: insultato e preso a pugni

Finisce col setto nasale rotto

E' stato preso a pugni per non avere voluto cedere il posto a sedere dentro la focacceria Gran Torino Reale, in piazza Castello 153. La vicenda riguarda un marocchino di 26 anni, volontario come autista della Croce Verde, ed è avvenuta nel pomeriggio di venerdì 11 maggio 2018. La sua giornata si è conclusa all'ospedale Cto, dove gli è stata riscontrata la frattura del setto nasale con una prognosi di dieci giorni.

"Io e una mia collega - racconta l'interessato - avevamo deciso di mangiare un trancio di pizza alla focacceria sotto i portici, all’angolo con via Garibaldi. Dopo avere ordinato, ci siamo seduti sugli sgabelli e siamo stati affiancati da una ragazza. Il suo fidanzato, in modo sgarbato, si è rivolto a me dicendomi che avrei dovuto alzarmi perché avrebbe dovuto sedersi a mangiare la sua pizza. Gli ho risposto che anche io avrei dovuto mangiare la mia e non mi sono alzato".

La sua replica è stata un insulto, ma dopo quello l'alterco sembra chiuso. All'uscita del locale i due si ritrovano. "Gli ho detto che avrebbe potuto risparmiarsi quell'insulto, ma a quel punto sono stato preso violentemente a pugni".

L'aggressore e la fidanzata sono poi fuggiti, mentre il personale del locale è accorso a soccorrere il ferito che ha richiamato l'attenzione di una volante della polizia.

L'aggressore è stato poi intercettato in via Barbaroux. Toccherà alla vittima sporgere denuncia per quanto accaduto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Non cede il posto a sedere in focacceria: insultato e preso a pugni

TorinoToday è in caricamento