Mercoledì, 22 Settembre 2021
Cronaca Nizza Millefonti / Via Casimiro Sperino

I cittadini contro il cemento: "No al parcheggio, vogliamo il giardino"

260 cittadini hanno firmato la petizione contro l'allargamento del parcheggio Bacigalupo di corso Spezia. Per ampliarlo, sarebbero sacrificati degli alberi

Basta cemento: contro la progettata espansione del parcheggio a barriera “Bacigalupo”, tra corso Spezia e via Sperino, scendono in campo i cittadini. 260 firme, depositate qualche giorno fa, per chiedere che l’ultimo angolo di verde del quartiere non venga raso al suolo da ruspe e scavatrici. Il tutto, per far posto ad un parcheggio.

Il progetto di allargare il parcheggio Bacigalupo, gestito da Gtt, non è ancora definitivo, ma i cittadini sono allarmati: l’angolo di verde che verrebbe sacrificato è uno degli ultimi rimasti nel quartiere, e abbattendo la dozzina di piante (robusti alberi di circa 70 anni) che vi sorgono si ricaverebbero appena un 20-30 posti auto. Insomma, pochi posti in confronto ad una grave perdita, per il borgo. E i cittadini non ci stanno.

Gianluigi Morando, primo firmatario della petizione, spiega: “Ci piacerebbe che quell’area venisse adibita ad uso pubblico, magari con dei giochi per i bambini: quel piccolo giardino è uno sfogo importante per i residenti”. Cittadini che non hanno per ora potuto usufruirne: l’area è infatti cintata, e spesso adibita a parcheggio abusivo da parte di qualche persona evidentemente in possesso delle chiavi del cancello.

“Quell'area – sottolinea il consigliere della Circoscrizione Nove Cesare Carbonari –  è fortemente compromessa da problemi di viabiltà e rischio salute dovuto all'alto tasso di smog che il traffico veicolare ogni giorno crea a danno dei cittadini. Salvare quel pezzettino di terra, non è solo necessario ma un nostro dovere di amministratori nell'interesse esclusivo dei cittadini”.

“Credo che per recuperare pochi posti auto non sia necessario mettere a repentaglio l’area verde preesistente – afferma Massimiliano Miano, coordinatore della Nove – la Circoscrizione potrebbe mobilitarsi per rendere pubblico quel piccolo pezzo di giardino, magari nell’ottica di riqualificare anche la vicina bocciofila di via Biglieri: la vicina casetta abbandonata del Bacigalupo potrebbe essere utilizzata infatti come sede della bocciofila”.

Nell'ultimo consiglio di Circoscrizione, intanto, è stato votato all'unanimità l'ordine del giorno del consigliere Carbonari contro l'ampliamento del parcheggio ai danni del giardino

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I cittadini contro il cemento: "No al parcheggio, vogliamo il giardino"

TorinoToday è in caricamento