Cronaca

"Il posto ci costa come un negozio in centro", mercati in protesta

Questa mattina i mercato rionali torinesi erano quasi deserti. I venditori ambulanti infatti sono in protesta contro la direttiva Bolkestein e molti di loro sono partiti per Roma per far sentire la propria voce

Chi è abituato ad andare a fare la spesa la mattina nei mercati rionali torinesi questa mattina avrà notato l'assenza delle decine e decine di bancarelle in tutto il capoluogo piemontese. Il motivo è lo sciopero degli ambulanti contro la direttiva Bolkestein.

"Protestiamo non solo contro il governo - spiegano - ma anche contro le tasse regionali: quest'anno ci sono stati aumenti del 40%. Il nostro posto al mercato ci costa come un negozio in centro". Alla protesta invece non aderiscono Confesercenti e Confcommercio.

Circa 300 ambulanti hanno raggiunto corso Giulio Cesare e hanno effettuato un presidio nella rotonda da cui si accede all'autostrada Torino-Milano. (Ansa)

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Il posto ci costa come un negozio in centro", mercati in protesta

TorinoToday è in caricamento