Venerdì, 18 Giugno 2021
Cronaca Santa Rita / Corso IV Novembre

Allarme pedofili in piazza d'Armi, sopralluogo di Casapound con i residenti

I cittadini lamentano un brutto giro serale che riguarda adescatori di minori e giovani che si concederebbero per pochi euro

Dopo numerose segnalazioni da parte dei residenti, alcuni giovani guidati da Casapound hanno eseguito un sopralluogo in Piazza d’Armi documentando lo stato di degrado di alcune zone del parco. E trovando panchine divelte, opere dissestate nei pressi dei giochi per i bambini, cestini vandalizzati ed erbacce pericolose per i cani.

"Dopo aver preso visione dello stato di degrado – ha Federico Depetris, candidato presidente alla Circoscrizione 2 per CasaPound Italia – ci siamo messi a raccogliere le cartacce e a ripulire, per quanto possibile, le panchine. Le istituzioni hanno da lungo tempo abbondonato gli italiani. Se vogliamo ripulire i nostri quartieri, cacciare gli spacciatori ed eliminare il degrado dobbiamo organizzarci ed  agire di persona.”

Al sopralluogo anche il candidato sindaco per Casapound, Marco Racca. “I residenti che mi hanno accompagnato in Piazza d’Armi – continuano Depetris e Racca –, mi hanno chiesto di verificare la presenza di adescatori di minorenni, che mi dicono stazionare spesso negli angoli più nascosti del parco. I residenti, infatti, mi hanno segnalato la presenza di un giro di prostituzione minorile molto inquietante: tanti ragazzini per pochi euro, si metterebbero a disposizione di alcuni pedofili per praticare atti sessuali. Sono molto allarmato, anche perché le voci sulla presenza di questi pedofili nel parco sono diffuse e confermate da residenti e commercianti. Ho deciso quindi che con le persone del quartiere organizzeremo, senza preavviso, delle ispezioni diurne e notturne nel parco per eventualmente documentare quanto mi è stato riferito e all’occorrenza, cacciare pedofili e maleintenzionati.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allarme pedofili in piazza d'Armi, sopralluogo di Casapound con i residenti

TorinoToday è in caricamento