Prostitute seminude sui marciapiedi, scatta la protesta dei residenti

Via Ala di Stura è diventata una strada al servizio delle lucciole. In particolare delle ragazze rumene, albanesi e del centro Africa, incubo della borgata

Una foto scattata da un residente

Occupano gli incroci delle strade, a volte anche in due o tre. In comune hanno almeno due cose: sono tutte giovanissime e seminude. Via Ala di Stura è diventata una strada al servizio delle prostitute.

In particolare delle ragazze rumene, albanesi e del centro Africa che hanno colonizzato i marciapiedi tra corso Grosseto e via Bongiovanni.

Al calar del sole il quartiere diventa cosa loro. Mettono in mostra i loro corpi, si appartano con i clienti, oppure si esibiscono in spogliarelli per attirare gli automobilisti di passaggio. “Uno show che inizia intorno alle ore 21 - racconta un residente - quando ancora i nostri figli sono fuori con gli amici. In strada contiamo anche quattro o cinque ragazze di colore, parlano ad alta voce e addosso hanno davvero il minimo indispensabile”.

Al mattino gli operatori spazzano via preservativi usati, involucri di plastica e fazzoletti sporchi. Poi alla chiusura dei negozi ricomincia la solita musica. Una musica che non piace più ai residenti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piemonte verso la 'zona arancione'. Spostamenti, negozi, scuole: cosa cambia

  • Piemonte, con indice RT sotto 1, verso la zona arancione. Cirio: “Non è un risultato, ma un passo”

  • Albero di Natale, 10 idee (super trendy) per ricreare l'atmosfera natalizia

  • A Grugliasco si inaugura il nuovo supermercato Lidl: riqualificata l'intera area

  • Piemonte in zona arancione da domenica 29 novembre: cosa cambia

  • Nichelino, chiusa la tangenziale a causa di un incidente: morto un uomo

Torna su
TorinoToday è in caricamento