Venerdì, 22 Ottobre 2021
Cronaca Beinasco

L'aggressione di Beinasco, prostituta e protettore malmenano cliente violento per vendetta: condannati

Uomo aveva sequestrato e drogato la donna

Era stata una vendetta per avere segregato una escort romena di 24 anni, costretta a fare sesso e a fumare crack, l'aggressione subita nell'ottobre 2019 da un 35enne di Beinasco, che successivamente era stato anche vittima di un tentativo di estorsione tramite un video, inviato alla madre a Carmagnola, che lo ritraeva in azione con alcune prostitute. Per l'accaduto a novembre 2020 erano stati arrestati la donna (la escort) e l'uomo (il suo protettore, italiano di 35 anni) autori dell'aggressione a colpi di manico di scopa.

Ieri, lunedì 29 marzo 2021, i due aggressori sono stati condannati. Il protettore, in particolare, ha ricevuto una condanna a tre anni e otto mesi di reclusione. L'accusa nel processo è stata sostenuta dal pm Giuseppe Drammis, che ha contestato alla coppia i reati di rapina in casa (i due avevano portato via alla vittima due telefoni cellulari per impedirgli di chiamare i soccorsi dopo l'aggressione), tentata estorsione e lesioni.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

L'aggressione di Beinasco, prostituta e protettore malmenano cliente violento per vendetta: condannati

TorinoToday è in caricamento