Morte Andrea Soldi, minacce e proiettili inviate ai vigili

Dopo il decesso

Andrea Soldi è morto nel 2015

Minacce, intimidazioni, persino proiettili spediti in buste anonime sono state recapitate ai tre agenti della polizia municipale che, dallo scorso 27 settembre, sono processati per il caso di Andrea Soldi, l'uomo affetto da schizofrenia morto nell'estate del 2015 durante un ricovero forzato.

Soldi perse la vita in piazza Umbria, nel quartiere San Donato, durante la mattinata del 5 agosto di due anni fa. Un trattamento sanitario obbligatorio si trasformò in un episodio destinato, ancora oggi, a far discutere.

Alla sbarra finirono lo psichiatra dell'Asl che aveva in cura l'uomo e i tre agenti della municipale del “nucleo mirati”. Tutti e quattro con l’accusa di omicidio colposo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A parlare delle minacce è stato il loro legale, l'avvocato Stefano Castrale, ai microfoni di Radio Cusano Campus durante la trasmissione 'Legge e giustizia'. Gli episodi a cui fa rifermento il legale risalgono alle settimane successive alla morte di Soldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus: quali sono i sintomi, come si trasmette e come proteggersi

  • Rapina in farmacia, poi arrivano i parenti del malvivente: 12 volanti per fermarli

  • La corsa al mare dei turisti torinesi finisce col litigio con i vicini, poi sono costretti a tornare a casa

  • Scontro tra moto e auto all'incrocio: militare dell'esercito morto sul colpo

  • Trovato il cadavere Vincenzo (per tutti Franco) in riva al fiume: probabile suicidio

  • Quarantena e fai da te: come tagliarsi (da sole/i) i capelli a casa

Torna su
TorinoToday è in caricamento