Morte Andrea Soldi, minacce e proiettili inviate ai vigili

Dopo il decesso

Andrea Soldi è morto nel 2015

Minacce, intimidazioni, persino proiettili spediti in buste anonime sono state recapitate ai tre agenti della polizia municipale che, dallo scorso 27 settembre, sono processati per il caso di Andrea Soldi, l'uomo affetto da schizofrenia morto nell'estate del 2015 durante un ricovero forzato.

Soldi perse la vita in piazza Umbria, nel quartiere San Donato, durante la mattinata del 5 agosto di due anni fa. Un trattamento sanitario obbligatorio si trasformò in un episodio destinato, ancora oggi, a far discutere.

Alla sbarra finirono lo psichiatra dell'Asl che aveva in cura l'uomo e i tre agenti della municipale del “nucleo mirati”. Tutti e quattro con l’accusa di omicidio colposo.

A parlare delle minacce è stato il loro legale, l'avvocato Stefano Castrale, ai microfoni di Radio Cusano Campus durante la trasmissione 'Legge e giustizia'. Gli episodi a cui fa rifermento il legale risalgono alle settimane successive alla morte di Soldi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzo si getta sotto il treno in corsa: morto. Convoglio bloccato per quattro ore

  • Tamponamento fra due tram (uno era fuori servizio): 14 feriti in ospedale

  • Perde il controllo dell'auto, colpisce un'altra macchina e finisce contro il muro: due feriti

  • Banda di ladri senza pietà: uccidono a pietrate il cane che li aveva sorpresi

  • È in arrivo la neve a Torino: altre nevicate fino alla vigilia di Natale

  • Benessere psicologico: 5 comportamenti virtuosi per avere una vita più serena

Torna su
TorinoToday è in caricamento